Sara apre il Kindle del marito e scopre un mondo tutto nuovo per lei

Sara sospirò mentre fissava la libreria nello studio. La polvere stava cominciando a raccogliersi sugli scaffali e lei era pronta con lo spolverino in mano. Erano entrambi avidi lettori e avevano una bella collezione con argomenti che vanno dalla biografia alla bricolage.

Moglie accende il Kindle del marito

C'erano anche molti thriller e libri gialli sugli omicidi. A lei piaceva abbastanza Ruth Rendell e a Brian piaceva Jeffrey Archer. Avevano anche alcuni libri erotici ma erano tenuti altrove.

Anche suo padre era un avido lettore e talvolta prendevano in prestito libri uno dall'altro. Sara una volta aveva visto anche "La storia di O". Brian gli aveva detto che aveva comprato una scatola di libri di seconda mano in uno di quei mercatini dell'usato e quel libro era stato tra questi.

Era una parte della verità. Aveva effettivamente comprato una scatola di libri, ma quello non era stato tra questi. Non era sicura che gli avesse creduto o meno, ma a volte sorrideva a se stessa.

Il pensiero della "principessa di papà" sposato con un uomo che leggeva libri BDSM e uno così hardcore, la solleticò; specialmente come era stata lei ad averlo acquistato.

Quando iniziò a pulire gli scaffali, si ricordò di qualcosa che aveva ascoltato in una trasmissione pochi giorni prima. Qualcuno aveva detto che si può sempre giudicare l'alfabetizzazione di una famiglia confrontando le dimensioni dello schermo televisivo con quella della biblioteca di famiglia.

Molte case in questi tempi avevano enormi schermi TV e niente scaffali per libri. Non era sicura se l'intervistato fosse un po' snob o no.

Avevano una TV widescreen e libri; inoltre, con l'avvento del Kindle e di altri dispositivi oggi, avevano messo a dura prova questa teoria. Entrambi avevano il Kindle.

Quello di Brian era sullo scaffale e Sara lo raccolse. Lo stava usando molto ultimamente. Sara fece un passo indietro e lo aprì. Si accese. Come se stessa, a Brian piaceva aggiungere pagine ai segnalibri e l'aprì.

Una pagina si illuminò sullo schermo.

"Enid si voltò al suono di un rubinetto sulla finestra della cucina. Era Billy, un vicino. Aveva un sorriso sul suo volto e un luccichio familiare negli occhi. Lei gli fece cenno di entrare e lui entrò dalla porta proprio mentre Pete entrava in cucina. Billy smise di sorridere e divenne titubante."

Buongiorno Billy” disse Enid: “Cosa possiamo fare per te?
Pete si sedette accanto a lei al tavolo della cucina.
Billy rimase in silenzio."Va bene, puoi parlare di fronte a Pete."

Aprì la bocca per parlare ma le parole non sarebbero arrivate. Enid allungò la mano e gli afferrò l'inguine. "Vuoi questo ordinamento di nuovo, vero?"
Billy guardò Pete ma rimase passivo.

"Va bene Billy" gli disse.
"A Pete non importa, vero?" chiese quando si voltò verso di lui e afferrò anche il suo rigonfiamento.
L'inguine di entrambi gli uomini iniziarono a gonfiarsi.

"Quindi è per un cazzo che sei venuto?"
Billy guardò con diffidenza Pete e annuì.
"Dillo Billy."
Billy la guardò. "Sì, mi piacerebbe fotterti."
"Beh, sai dov'è la camera da letto" gli disse.
"Ci vediamo lassù tra qualche minuto."

Billy si allontanò con la sua erezione come un palo da tenda nei pantaloni. Enid si rivolse a Pete e gli diede un bacio veloce mentre lei stringeva di nuovo il suo rigonfiamento. "Non ti dispiace, vero?" Pete aprì la bocca per parlare ed esitò per alcuni istanti. "Questa è la terza volta che è qui di questa settimana."

Enid annuì e accarezzò la sua erezione. "È vedovo e molto eccitato. Gli manca il sesso."
Pete non disse nulla mentre si godeva la sensazione della sua mano sulla sua virilità.
"Ecco a cosa servono gli amici del cazzo" gli disse.
"Aiutarsi a vicenda nei momenti di bisogno."
Pete rimase in silenzio.

"Devi aver saputo che si sarebbe presentato abbastanza regolarmente quando gli avresti dato il permesso di essere il mio amico…amico" gli disse.
"Billy e Jen hanno avuto una vita sessuale piuttosto attiva."

Pete sospirò sotto l'eccitazione della mano che lo stringeva.
Inoltre, è stato quattro volte questa settimana finora, se conti ieri pomeriggio."
"Ieri pomeriggio?"
Lei sorrise e lo strinse ancora più forte.

"Sì. Sono andata a casa sua dopo essere tornata dal lavoro.
"A casa sua?" Lo accarezzò.
"Ero eccitata ed ho immaginato una sveltina" spiegò.
"Avevo messo lenzuola pulite sul letto la mattina e non volevo rovinarle. Sai che Billy viene un bel po' e gli piace fare un'altra scopata prima di tornare a casa."

Pete gemette piano. Lo stava eccitando fino al punto di venire, finchè Enid si staccò.
"Per favore..." lo toccò di nuovo.
"Dopo" gli disse mentre lo baciava.
"Prima puoi pulire tutto il gustoso sperma di Billy e poi ti dirò cosa abbiamo fatto mentre ti faccio un bel lavoro lento.

Pete gemette rumorosamente.

Enid si alzò e prese un pezzo di carta dalla bacheca della cucina. "Perché non esci e prendi questi per me?" gli disse mentre lo toccava di nuovo.
"Io … vorrei poter guardare."

Lo baciò e disse: "Sai che saremmo entrambi in soggezione dalla tua presenza. Ecco perché scopiamo sempre quando non ci sei."
Pete gemette e la baciò di nuovo mentre le faceva scivolare la mano sotto l'orlo della gonna. Enid era nuda sotto.

"Tu, ti aspettavi che non lo fossi?
Lei sorrise: "Mi piace sempre essere preparata."
Le sue dita scivolarono nella sua umidità prima che lei gli allontanasse delicatamente la mano. "Dacci un paio d'ore" gli disse mentre si allontanava.

Pete entrò nel corridoio e prese la giacca e le chiavi della macchina prima di voltarsi e guardare Enid mentre saliva le scale. Avrebbe voluto così tanto seguirla e sedersi in un angolo della camera da letto e guardarli in silenzio cazzo. In cima alle scale Enid si voltò e lo guardò. Era giunto il momento per lui di andarsene.

Sara sentì il cuore batterle forte mentre raggiungeva la fine della pagina dei segnalibri. Poteva anche sentire l'umidità tra le sue cosce.
"Quindi questo è il genere di cose che ha letto ultimamente?" si disse mentre si sedeva sul sedile della scrivania.

Lo spolverino giaceva sulla scrivania mentre scorreva in avanti verso un altro segnalibro...

Sentì una portiera della macchina vicino e poi sentì il suono dei suoi tacchi sul sentiero che portava alla loro porta d'ingresso guardò l'orologio; erano quasi le due del mattino. Il suo cazzo si indurì in previsione di quello che sarebbe successo. Sentì la porta chiudersi; sentì le sue chiavi tintinnare nel piatto vicino all'appendiabiti e poi la sentì salire le scale. Non sarebbero state le prime scale che aveva salito stanotte.

Cathy sorrise mentre attraversava la porta della camera da letto e lo vide seduto sul letto. Si spostò sul lato del letto e sorrise di nuovo mentre si sporgeva e lo baciava. "Mi sei mancato" gli disse mentre si voltava e allungò una mano dietro la schiena per cercare la cerniera del suo vestito nero.
"Permettimi" urlò Sam mentre si alzava in piedi.

Cathy allontanò le mani per permettergli di sostituirla con le sue. Lo preferiva quando l'uomo la slacciava. Le dita di Sam erano ferme e senza fretta. Quelle precedenti erano state dita nervose da mani tremanti. Gli uomini erano spesso così la prima volta.

"Ti sei divertita?" le chiese Sam mentre le tirava la cerniera in vita.
"Sì, grazie."
"Dove sei stata di bello?"
"Noi … siamo andati in quel nuovo posto italiano."
Sam sentì il suo cazzo contrarsi. Cathy aveva detto "noi".
Era stata con un altro uomo.
“Buon cibo?”
"Delizioso" rispose lei uscendo dal suo vestito.

Sam la guardò su e giù. Indossava un reggiseno di pizzo nero con mutandine abbinate insieme a bretelle nere e calze nere. L'aveva osservata vestirsi prima. Sam si era seduto sul bordo del letto a guardare; guardandola asciugarsi dopo la doccia, guardandola allacciarsi la cintura della giarrettiera intorno alla vita prima di indossare le calze.

Nel frattempo aveva appoggiato il piede sul letto; le cosce si separarono permettendogli di vedere il suo sesso rasato. Di tanto in tanto lo guardava e sorrideva. Lo stava prendendo in giro; schernendolo. Mostrandogli quello che un altro uomo avrebbe visto a breve.

Sam l'aveva guardata vestirsi e ora la stava spogliando. Sapeva, mentre le slacciava il reggiseno che quella sera le era già stato rimosso. Le mani di un altro uomo glielo avevano tolto; proprio come le mani di un altro uomo le avevano abbassato le mutandine.

Cathy si girò verso di lui mentre le spingeva le mutandine. "Penso che farei meglio a farmi una doccia" gli disse quando il cavallo delle sue mutandine si fece vedere.

Il cazzo di Sam si indurì ancora di più. Non c'era motivo di chiedere; era semplice come il giorno. Cathy era stata fottuta. L'aveva scopata l'ultima volta due notti prima; questo era recente, molto recente.

La guardò. Il suo viso era inespressivo. Abbassò lo sguardo e continuò a spingere le sue mutandine fino alle caviglie. Cathy sollevò ogni piede a turno e Sam li rimosse.

Le afferrò i fianchi e si sporse in avanti e la baciò sul pube. Poteva sentire l'odore del sesso. Poteva sentire il suo aroma muschiato e quello con cui era stata. La sua cappella stava cominciando a bagnarsi.

Mentre allungava la mano, Cathy gemette piano. Sapeva che quella sera non era stata la prima lingua ad assaggiarla, ma sapeva che sarebbe stata la migliore. A Cathy piaceva ricevere orale dopo aver fatto sesso con un altro uomo.

Sam sondò e stuzzicò le labbra della sua figa con la lingua. Dentro e fuori, leccò e pulì mentre lei afferrava la parte posteriore della testa e gemeva dolcemente. Di tanto in tanto parlava dolcemente, dicendogli che era così bello.

"La tua lingua è bellissima, mio caro."
Sam gemette. Amava essere apprezzato.

Non ci volle molto per pulirla. Aveva un appetito sano e non gli piaceva altro che il sapore del seme mescolato con i suoi succhi. Mentre si alzò lei lo baciò e gli passò la lingua sulle labbra e sulle guance. Amava assaggiarsi su di lui in seguito.

“Dai, mio caro” gli disse mentre lo riportava al letto.

Questa era la parte che Sam apprezzava di più; questo era ciò che rendeva tutto il dolore utile. Questo era ciò che rendeva tutto sopportabile; tutto quel tumulto geloso nell'attesa, aspettando che lei tornasse mentre la sua immaginazione lo faceva a pezzi nell'attesa.

Era doloroso sapere che era con qualcun altro. Gli faceva male sapere che un altro uomo la stava scopando eppure era tutto così sessualmente eccitante.

Cathy si infilò nel letto accanto a lui sotto il piumone e lo baciò. "Ti amo" gli disse mentre gli passava la mano sul petto e fino all'inguine. Era già molto in attesa mentre lei lo afferrava.

"Mi aspetto che tu voglia sapere cosa è successo?"
Sam gemette.
"Vuoi sapere come mi ha fottuto e com'è stato per me?"
Gemette di nuovo mentre la sua presa si stringeva e i suoi movimenti della mano aumentavano.

"Era grande" sussurrò, "molto grande." Lui gemette quasi gridando.
"Probabilmente il più grande di sempre."
Gridò di nuovo mentre cercava di concentrarsi sul trattenersi.
“Mi ha fatto venire tante volte. È stato davvero bello."

"Oh Dio" gridò.
“Mi ha fatto urlare. Non ho mai urlato così tanto durante una scopata" "Ahhhhh."
Cathy si fermò e lo baciò.
“Oh dio. Mi dispiace " le disse.
Lo baciò di nuovo. "Va tutto bene, tesoro."
"Io così … volevo durare."
Cathy si portò le dita coperte di sperma fino alla bocca e le sfregò contro le sue labbra.

"Va tutto bene" sussurrò.
"Possiamo ripassarlo di nuovo al mattino."
La baciò.
"Ti amo, Cathy."
Lei sorrise e disse: "Lo so. E anche io ti amo, mio caro maritino cornuto."

Sara chiuse la copertina quando raggiunse la fine del pezzo preferito e fece un respiro profondo e guardò l'orologio. Aveva un sacco di tempo. Uscì lentamente dallo studio e si diresse al piano di sopra stringendo il Kindle di Brian tra le mani.

"Aveva solo una cosa da fare mentre si chiuse la porta della camera da letto dietro di lei"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *